Mutismo selettivo nei bambini: come riconoscerlo e quando intervenire

I bambini che soffrono di Mutismo Selettivo sono particolarmente sensibili e spesso il loro atteggiamento viene erroneamente scambiato per timidezza...

Mutismo selettivo nei bambini: come riconoscerlo e quando intervenire

Bambini vivaci, pieni di vita, che giocano, corrono, cantano e si divertono. Ma basta uscire dall’ambiente familiare che si trasformano, ed improvvisamente diventano timidi, riservati, ma soprattutto smettono di parlare.

Questo è quello che accade ai bambini affetti da mutismo selettivo, ovvero la condizione in cui il bambino in particolari situazioni o con determinate persone smette di parlare. Cerchiamo di capire come riconoscere questo disturbo nei bambini, le cause e come intervenire.

Mutismo selettivo nei bambini: come riconoscerlo e quando intervenire
Nonostante vogliano farlo, i bambini muto selettivi NON riescono a parlare fuori casa o in presenza di estranei, si bloccano, e ciò avviene in particolare in luoghi pubblici(http://www.aimuse.it)

Mutismo selettivo nei bambini: come riconoscerlo?

Il mutismo selettivo è un disturbo apparentemente raro che colpisce principalmente i bambini, caratterizzato dall’incapacità di parlare in alcuni contesti sociali, nonostante lo sviluppo e la comprensione del linguaggio siano nella norma.

Si tratta di un atteggiamento di risposta ad un forte stato emotivo legato all’ansia, la quale impedisce al bambino di parlare fuori casa o in presenza di estranei. Ciò avviene in particolare nei luoghi pubblici o nei contesti più ansiogeni, come l’asilo o la scuola.

Le caratteristiche per individuare un bambino selettivamente muto sono:

  • Il bambino in determinati ambiente non parla.
  • Il bambino parla solo in ambienti in cui si sente a suo agio.
  • Il disturbo dura da almeno un mese.
  • Non sono presenti disturbi della comunicazione o disturbi mentali.

Per comunicare, i bambini affetti da questo disturbo usano gesti, annuiscono o scuotono il capo. Raramente emettono dei suoni monosillabici.

Mutismo selettivo nei bambini: quali sono le cause?

Il mutismo selettivo, come anticipato, è associato ad un forte stato di ansia. Infatti, i fattori emotivi, psicologici e sociali influiscono sullo sviluppo del bambino. Pertanto, le cause che portano al mutismo selettivo sono forti traumi, abbandono, violenze. Oppure accade se si tratta di soggetti oppositivi, arrabbiati o manipolativi.

Mutismo selettivo nei bambini: come riconoscerlo e quando intervenire
La sfida di Riccardo. In vendita a partire da € 12.50

Quali accorgimenti adottare in famiglia?

Un bambino affetto da mutismo selettivo non va rimproverato, ma compreso. Al fine di ridurre l’ansia e rendere più confortevole il passaggio alla parola, è necessario creare un clima rilassato e rassicurante. Quindi, evitare di punirlo, di minacciarlo in caso di silenzio, o di ricattarlo promettendo delle ricompense.

Occorre dimostrare fiducia in lui e non mostrare particolare meraviglia nel caso in cui il bambino iniziasse a parlare fuori casa. Coinvolgetelo nelle azioni quotidiane per favorire la sua autostima, create iniziative e programmate insieme le attività che lo riguardano. Infine, collaborate con scuola ed insegnanti: è importante conoscere il comportamento del bambino in classe. Rendetevi disponibili a ricevere aiuto da uno specialista, vi aiuterà ad aiutarlo.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here