Prima elementare: come aiutare nostro figlio a tenere il ritmo

Prima elementare: come aiutare nostro figlio a tenere il ritmo

I bambini provenienti dalla scuola dell’infanzia sono abituati a giocare, a fare molte attività di gruppo, a stare poco seduti e parlare liberamente con i loro amichetti. La realtà della prima elementare è piuttosto diversa. Per questo motivo, i nostri bambini si trovano in difficoltà. Infatti, per molti di loro è un’esperienza molto difficile, se non traumatica. Per questo motivo bisogna sostenerli ed aiutarli attraverso piccole ma importanti regole.

Prima elementare: come aiutare nostro figlio a tenere il ritmo
Zainetto in spalla, i figli sembrano d’un tratto diventare grandi… Ma non è proprio così.
(www.riza.it)

Prima elementare: come aiutare nostro figlio a tenere il ritmo

La frequenza alla scuola elementare comporta un notevole livello di fatica, fisica e mentale. Mantenere la concentrazione o anche stare seduti dietro un banco per ore diventa una vera e propria impresa. Provate a tornare indietro col tempo, non è stato difficile anche per voi?

Cosa fare per aiutare il nostro bambino a mantenere una buona concentrazione in classe?

  • Assicuratevi che le notti che precedono i giorni di scuola vostro figlio faccia sonni riposanti. Se la mattina è ancora molto stanco, sarà necessario anticipare l’orario della nanna, modificando la regola che gli avete dato. Probabilmente per qualche sera il bambino farà opposizione, ma presto capirà che è per il suo bene.
  • E’ fondamentale preparargli una colazione adeguata, sufficiente a non farlo sentire affamato fino al momento della merenda. Un bambino con lo stomaco che ulula non riuscirebbe a mantenere la concentrazione in classe.

[mom]

Prima elementare: come gestire i compiti per casa?

Sapete che, per far sì che vostro figlio mantenga la concentrazione in classe è fondamentale organizzare il tempo che segue quello della scuola? Se il bambino è ancora abituato al pisolino pomeridiano, dovete concederglielo. Soprattutto se mostra segni di stanchezza. Anche mezz’ora è sufficiente, meglio ancora se un po’ di più. Dopo il riposino potrete proporgli due scelte:

  • Lasciare che svaghi corpo e mente, permettendogli di giocare di fuori o con i suoi amichetti, per poi tornare a fare i compiti, ad esempio dalle 17.30 alle 19.30;
  • Fargli fare i compiti appena sveglio per poi lasciarlo giocare o uscire in seguito.
Prima elementare: come aiutare nostro figlio a tenere il ritmo
E’ importante che i bambini capiscano che oltre alla scuola c’è altro! (http://easy-way.it)

La scelta di una delle due opzioni non fa la differenza. Importante è, invece che ci siano ore dedicate al gioco e allo svago, ed ore dedicate alla scuola. Infatti i veri nutrimenti del cervello sono muoversi, uscire e fare sport.

 

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.