La dolce attesa del papà: scopriamo come vive la gravidanza il futuro papà

La dolce attesa del papà: scopriamo come vive la gravidanza il futuro papà

Quando si parla di gravidanza, la protagonista indiscussa è assolutamente la futura mamma: è con lei che si crea una simbiosi unica e speciale con il bimbo, un legame fisico ma nello stesso tempo emotivo. Qual’è, invece, il ruolo del futuro papà durante questa attesa?

La dolce attesa del papà: scopriamo come vive la gravidanza il futuro papà
La gravidanza può essere l’occasione per creare uno spazio di dialogo privilegiato all’interno della coppia. (http://www.iobimbosardegna.com)

La dolce attesa del papà: scopriamo come vive la gravidanza il futuro papà

Solitamente, l’idea di aspettare un figlio porta i futuri papà a viaggiare con la mente direttamente al momento della loro nascita. Immaginando il loro aspetto fisico e progettando le cose che potranno fare insieme.

Mentre per la donna le trasformazioni psicologiche avvengono di pari passo con quelle fisiologiche, ed il rapporto con il bambino che cresce dentro di sé, giorno dopo giorno, avviene in maniera spontanea e naturale, l’uomo ha bisogno di un impegno maggiore. Tende infatti a rimandare a quando la nascita sarà ormai imminente o sarà già avvenuta, la riflessione sul proprio ruolo e sui cambiamenti che l’arrivo di un bimbo porterà nella loro vita.

A volte, l’attesa della gravidanza può essere un periodo di riflessione: risalire al rapporto che si ha con i rispettivi genitori e valutare se può essere o meno un modello da seguire. Ma per i papà del secondo millennio non è così semplice perché sono profondamente diversi da quelli delle generazioni precedenti. Gli spetta, quindi, l’arduo compito di creare una nuova figura che non ha precedenti nella storia.

[mom]

I papà del secondo millennio

Un tempo il padre era autoritario ed il figlio rappresentava la continuazione della stirpe. Oggi non è più così e l’uomo fatica a trovare un modello di riferimento da seguire. I papà di oggi:

  • Partecipano al parto,
  • Collaborano alle cure del bambino,
  • Partecipano a mansioni una volta considerate di esclusiva competenza femminile.

Come aiutare il partner a sentirsi papà già dalla gravidanza?

Un coinvolgimento da parte della donna nel condividere stati d’animo così come cose più pratiche (scegliere le tutine ed i passeggini ad esempio) aiuta l’uomo a sentirsi parte attiva di quel processo meraviglioso che porterà alla nascita di un figlio.
Prendere parte attivamente alla gravidanza della donna così come al parto, aiuta di certo il futuro padre a sentirsi importante, utile e permette di instaurare prima ancora della nascita un rapporto speciale e profondo con il piccolo.

Essere presenti durante le ecografie e osservare i progressi del proprio figlio sul monitor può aiutare a rafforzare la conoscenza tra padre e figlio. Così come importanti sono i primi movimenti del bebè che il papà può sentire posando una mano sul pancione. Parlare con il bimbo nella pancia e sentire i suoi movimenti aiuta a creare un rapporto, attraverso il quale il bimbo imparerà a riconoscere il futuro papà e inizierà anche a rispondere al suo saluto e alle sue carezze con una serie di calcetti e di capriole.

La dolce attesa del papà: scopriamo come vive la gravidanza il futuro papà
Il papà deve assistere alle ecografie per costruire fin dal primo istante una relazione profonda col suo bimbo. (http://mamme.stylegirl.it)

E’ importante che, durante la gravidanza, sia l’uomo che la donna abbiano la possibilità di parlare e confrontarsi. Di raccontare le reciproche ansie, le paure e le emozioni che si provano in questo particolare e nuovo momento della vita.

La gravidanza può essere l’occasione per creare uno spazio di dialogo privilegiato all’interno della coppia. Se la donna rende il partner partecipe dell’esperienza che sta vivendo, confidando a lui, più che a chiunque altro, le sue emozioni, si aprirà un canale comunicativo che permetterà loro di confrontarsi e sentirsi più vicini, prima e dopo la nascita del bebè.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here