La musica da sempre invade le nostre vite e soprattutto quelle dei nostri bambini. Jingle, sigle dei cartoni animati, filastrocche, ninna nanne ecc… Ma allora perché non sfruttare questo elemento per stimolare la mente dei più piccoli? La magia della musica può essere una degna compagna di crescita dei bambini sin dai loro primi mesi di vita.

La logica musicale

Musica
Musica (http://cdn.quinews.net)

La musica è composta da diversi elementi “matematici” partendo dal ritmo stesso. Per questo motivo, alcuni studi scientifici e pedagogici hanno dimostrato che il cervello di un bambino, sottoposto a stimoli musicali, sviluppa attitudini socio-cognitive maggiori rispetto al cervello di coetanei che non hanno affrontato tale percorso.

[mom]

Perché la musica aiuta lo sviluppo infantile?

Sicuramente l’intelligenza di un bambino non nasce dall’apprendimento musicale. Di fatto, però, con la musica, soprattutto con il ritmo, si lavora sulle parti del cervello che stimolano la logica e il pensiero. Attraverso i momenti musicali proposti da un laboratorio per la prima infanzia, il bambino potrà imparare più velocemente a conoscere se stesso e l’altro (apprendendo la socializzazione prima dei 3 anni), svilupperà, così, un senso logico-cognitivo maggiore rispetto ai coetanei che non hanno mai avuto un approccio simile. Questo percorso, inoltre, andrà ad agevolare l’esperienza scolastica sia riguardo lo studiosi, sia riguardo l’aspetto sociale, poiché per il bambino sarà più semplice inserirsi nel gruppo classe.

Primo approccio alla musica – Il laboratorio musicale prescolastico

Musica
Musica (http://www.asilowinniethepooh.it)

Ovviamente parlando di apprendimento musicale nei primi 3 anni di vita del bambino, non si intende imparare a suonare uno strumento vero e proprio. Gli strumenti musicali con cui si andranno ad approcciare i bambini, durante un laboratorio per la prima infanzia, si ispirano al percorso montessoriano. Si tratta di strumenti musicali in legno che partono dall’uso di oggetti e movimenti della quotidianità. Essi vanno a lavorare soprattutto sul concetto dell’abbinamento ritmo-colore-suono. Cioè: ad ogni colore corrisponde un suono ed ogni suono ha una propria ritmicità. Si usano spesso anche oggetti provenienti dalla quotidianità (cucchiai, piatti, pentole). Si può usare tutto ciò che fa “suono”.

Importante sarà, anche, andare a lavorare sul proprio corpo (metodo Orff ). Attraverso queste attività il bambino imparerà a conoscere se stesso, i propri spazi e di conseguenza l’altro. I laboratori musicali sono percorsi socio-educativi, perché oltre a lavorare sullo sviluppo del cervello del bambino, verranno intrapresi dei percorsi che lo aiuteranno ad evolversi diventando completamente un essere sociale!

Il gioco degli umori: costruiamo l’umorometro!


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!