I bimbi amano raccoglierle, approfittando di una simpatica escursione nel bosco, a contatto con la natura. Ma delle castagne in realtà apprezzano anche il sapore.

Se i più piccoli ignorano le informazioni sulle proprietà benefiche, sulle calorie e i valori nutrizionali castagne (ad link) i grandi ne sono consapevoli e consentono anche ai bambini di consumarle, perché sono una fonte inequivocabile di benessere.

Perché farle mangiare anche ai bambini

Le castagne vantano tutta una serie di virtù. Utili nel percorso di crescita dei bimbi, a partire dall’alto valore energetico che dispensano a piene mani, le castagne sono un aiuto perfetto per recuperare le calorie bruciate durante i giochi e l’attività movimentata.

Grazie all’elevato contenuto di ferro consentono di combattere l’anemia, inoltre la presenza di fibre garantisce un effetto regolatore sull’intestino, e se l’origine vegetale è un toccasana nella lotta al colesterolo, la presenza in quantità di sali minerali contribuisce alla salute del cervello e del sistema nervoso.

Autunno periodo di raccolta

La raccolta delle castagne avviene fra settembre e novembre e per i più piccoli andare nel bosco, riempire i cestini con questo frutto prelibato è una festa.

Corretto insegnare loro che si possono portare a casa soltanto i frutti caduti dalla pianta, perché maturi al punto giusto. Le castagne acerbe infatti restano appese all’albero. Scuotere i rami non è una soluzione appropriata perché potrebbero cadere a terra frutti che è preferibile non consumare perché non ancora arrivati al giusto grado di maturazione.

Per trasportare le castagne a casa è preferibile utilizzare cestini di vimini, sacchetti di juta ma non di plastica, che ne impediscono la traspirazione.

Come consumare le castagne: scopriamo le ricette dolci e salate

Le castagne sono estremamente versatili in cucina e sono un ingrediente eccellente per confezionare ricette dolci e salate.

Inutile ricordare quanto grandi e piccini apprezzano le semplici caldarroste, che si possono cucinare sulla stufa legna, sul fuoco, nel forno tradizionale e in quello microonde. L’unica accortezza prima della cottura è quella di incidere la buccia con un taglio.

Chi le apprezza bollite sa che durante la cottura perdono molto del loro valore calorico. Prima di cuocerle è necessario pulirle bene e fare un taglio. La cottura avviene in abbondante acqua salata per 45 minuti circa.

Tante le possibili ricette da realizzarsi con le castagne. In versione dolce non possiamo non considerare la deliziosa mousse, le crêpes con farina di castagne, la Cheesecake castagne e cioccolato, le frittelle. Chi predilige i gusti salati può utilizzarle per farcire l’arrosto di maiale o il tacchino ripieno, realizzare una zuppa con fagioli o gustose palline di gamberetti.

Riscopriamo le proposte delle tavole regionali

Ogni territorio vanta ricette proprie. Tipici della Lucania i panzerotti di Natale, realizzati con pasta sfoglia chiusa a fagottino e ripiena di crema di castagne. Nasce in Sardegna la Castagnata dal sapore dolce-piccante, è invece di origine campana il calzoncello di castagne.

Nel Sudtirolo le castagne finiscono dritte nel Monte Bianco, in Toscana sono un ingrediente delle lasagne bastarde, dei Migliaccini e dei Tortelli dolci. In Liguria con le castagne si prepara il minestrone, le Trofiette di farina di castagne con pesto e fave, e il castagnaccio alla ligure.

Fra le ricette della tradizione lombarda non possono mancare le Biline al latte e la Busecchina, in Emilia-Romagna le sfogline e i tortellacci con ragù o sugo di cipolla e salsiccia.

Impossibile dimenticare la polenta, preparata con farina di castagne, consumata al nord con i formaggi, la carne di maiale, così come con i pesci dalla sardina al baccalà passando per l’aringa.



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche: