Una risata può far bene alla nostra mente e al nostro cuore. Ridere aiuta a guarire, o quantomeno a star meglio. Per di più, il sorriso rende le persone più belle e socievoli. Un sorriso al giorno riduce lo stress e quindi aiuta ad affrontare meglio la giornata e la vita stessa. Di conseguenza: perché non trasmettere ai nostri figli il piacere del sorriso? Educhiamoli a ridere!

L’importanza della risata

PAOLA D'ORDINE RIDERE
Parola d’ordine: ridere (http://www.radionostalgia.fm)

“La risata, più di qualunque altra cosa, mantiene il nostro senso delle proporzioni; è lì a ricordarci sempre che siamo soltanto umani, che nessun uomo è del tutto un eroe o completamente un malvagio” 

(Virginia Woolf)

Ridere è un gesto che l’essere umano compie istintivamente. Questa azione è “gestita” dalla corteccia rettiliana, ovvero, da quella parte del nostro cervello che riguarda gli istinti primari (o primitivi). Il difendersi, l’attaccare, l’istinto sessuale (finalizzato alla riproduzione) ed i comportamenti relativi alle relazioni sociali (gerarchie e raggruppamenti) sono tutti comportamenti che fanno riferimento a questa zona cerebrale. Per questo motivo la risata ci cambia dal profondo. Essere persone sorridenti fa star bene con se stessi, rendendoci più piacevoli agli occhi degli altri.

Ridere produce benessere psicofisico

PAROLA D'ORDINE: RIDERE
Parola d’ordine: ridere (https://lamenteemeravigliosa.it)

Ridere mette in moto il nostro organismo, aiutandolo a star bene. Infatti, ridendo si attivano degli organi che producono la morfina naturale, la quale da origine alle endorfine, che fanno rilassare e distendere i muscoli, e alle encefaline, che producono a loro volta gli anticorpi. Inoltre ridere aumenta la produttività di serotonina (l’ormone della felicità) che funge da antidepressivo naturale. La risata, per giunta, fa aumentare il battito cardiaco, aumentando così l’ossigenazione. Il corpo, attivandosi in questo modo, reagisce contro situazioni di forte stress e ansia, evitando così la problematica della depressione.

Educare al ridere

PAROLA D'ORDINE: RIDERE
Parola d’ordine: ridere (https://lamenteemeravigliosa.it)

L’essere felici e spontanei non è cosa da tutti. Come per ogni esperienza di vita, un bambino dovrà apprendere il significato ed il modo per raggiungere questo stato di tranquillità e felicità. Come può farlo? Prima di tutto avendo un buon esempio.

I genitori dovranno dimostrare ai propri figli cosa significa ridere ed essere sereni. Ci sono dei passi per raggiungere questo scopo: essi aiutano il bambino ad imparare l’importanza della risata, e all’adulto a vivere meglio. La prima e fondamentale regola è non arrabbiarsi sempre, la soluzione ad un problema non si troverà urlando, ma fermandoci un momento ad analizzarla nel modo più sereno e tranquillo. Soprattutto ridendoci su!

[mom]

Inoltre, ogni giorno ci sono delle azioni da compiere per prendere piena consapevolezza del nostro stato di serenità: ridere! Se ogni giorno impariamo e insegniamo a nostro figlio a ridere, a se stesso e agli altri, avremo una vita migliore. Sorridere a se stessi vuol dire accettarsi e stare bene: questo permetterà di prendere piena consapevolezza di chi si è e di cosa possiamo fare, aumento dell’autostima. Sorridere agli altri , invece, permette di instaurare contatti senza problemi: aiuterà noi stessi a star bene con l’altro e l’altro a stare a proprio agio.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!