Toxoplasmosi in gravidanza, come prevenirla? Scopriamolo insieme.

La Toxoplasmosi è un’ infezione che, se contratta in gravidanza può causare gravi conseguenze allo sviluppo del feto. Responsabile di questa malattia è il Toxoplasma gondii, un protozoo che può vivere negli animali domestici e da allevamento. Per prevenirla bisogna fare attenzione principalmente alla dieta in quanto la toxoplasmosi si contrae attraverso il cibo.

Toxoplasmosi in gravidanza: prevenirla è facile

Il nostro corpo, specialmente se adulto e in buona salute, a malapena si accorge della presenza di questo “ospite” sgradito, che di solito non provoca sintomi specifici se non un generico malessere simil influenzale. Si stima che il 30-50% della popolazione mondiale abbia avuto la toxoplasmosi, in molti casi senza averne avuto nessun tipo di risentimento. Ma anche qualora asintomatica, questa parassitosi viene rilevata dal nostro sistema immunitario, il quale sviluppa degli specifici anticorpi diretti contro il Toxoplasma gondii, per distruggerlo. Questa “disinfestazione” in genere riesce molto bene, tanto da lasciare una immunità a vita.

La prima cosa da fare in gravidanza è sapere se durante il corso della propria vita si è entrati in contatto con il protozoo del Toxoplasma e si è quindi sviluppata l‘immunità. Questo è possibile attraverso gli esami del sangue. Se il risultato sarà negativo significa che la futura mamma dovrà adottare un serie di precauzioni principalmente alimentari per evitare il contagio da toxoplasmosi in gravidanza.

Il Toxo-test va effettuato all’inizio della gravidanza e ripetuto ogni mese per accertarsi che non avvenga il contagio o comunque per aver modo di diagnosticare prontamente un’eventuale infezione e poter intervenire con una terapia antibiotica per bloccare il contagio del nascituro o limitare i danni alla sua salute.

Come prevenire la Toxoplasmosi in gravidanza?

Come accennato inizialmente, la principale via di trasmissione della toxoplasmosi è il cibo. Per questo bisogna fare molta attenzione all’alimentazione durante la gravidanza.

  • Divieto assoluto alla carne cruda di qualsiasi animale fino al parto (salsicce, salame, carpaccio, tartare…)
  • Evitare prosciutto crudo, coppa o bresaola, a meno che non siano ben stagionati. Controllare la presenza in etichetta di DOP (di origine protetta)
  • Dopo aver toccato la carne cruda, bisogna avere subito l’accortezza di lavare bene le mani con acqua e sapone, evitando di toccarsi la bocca.
  • Prestare molta attenzione a disinfettare gli ortaggi: potrebbero essere stati contaminati dalle feci di animali infetti. Si consiglia quindi di immergere frutta e verdura prima de consumo in acqua e bicarbonato per 20/30 minuti.
  • Se si possiede un gatto in casa, evitare di pulire la cassettina igienica. Non è proibito toccare il gatto, ma è buona regola comunque lavarsi spesso le mani con acqua e sapone.

Toxoplasmosi in gravidanza: i rischi che corre il bambino

Le prime 26 settimane di gravidanza sono le più a rischio nel caso di contagio della malattia. Infatti, se la futura madre si ammala, nel primo trimestre va incontro al rischio di un aborto o di una morte fetale. Mentre nel secondo trimestre il feto può subire danni gravi come encefalite, idrocefalo e calcificazioni cerebrali, infezioni oculari, sordità, polmonite, malformazioni cardiache. Meno grave se la madre si ammala durante il terzo trimestre, un evento che non è comunque scevro di pericoli: il bambino può infatti sviluppare una forma di anemia, che può manifestarsi in maniera anche severa.



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche: