L’adolescenza, il corpo che cambia, le amicizie (spesso scelte con criteri sbagliati) e la voglia di vivere confusa con il “divertimento estremo”. Cosa accade ad un adolescente che inizia ad abusare di alcool? Ecco che effetto fa l’alcool su un corpo che cambia.

La chiamano moda…

oggi la moda sta aggravando la situazione di abuso da alcool (https://video-images.vice.com)

Nel 2011 l’ISTAT ha stabilito che i giovani, consumatori di alcolici fuori dai pasti, sono aumentati vistosamente rispetto agli anni precedenti. Inoltre, è un dato di fatto che negli ultimi anni trascorsi da questa statistica le cose sono andate peggiorando. I dati si rivolgono ad una fascia di età estremamente preoccupante: dai 14 ai 17 anni. Questi dati evidenziano come, oggigiorno, i giovani, anzi giovanissimi, inizino a fare uso di alcolici prima dei 16 anni. In più si è constatato che gli adolescenti non sono più i bevitori occasionali o del fine settimana, ma consumano bevande alcoliche giornalmente.

Ad agevolare questo consumo ci si mette anche la “moda”, ormai è un appuntamento fisso per chiunque fare l’happy hour. Si tratta cioè du un’ora in cui le persone (giovani e meno giovani) si incontrano per bere alcolici a prezzi scontati. Spesso in queste situazioni i locali sono talmente pieni di persone che sfugge anche la supervisione su chi sta bevendo. Infatti, a volte con l’inganno riescono ad acquistare alcoolici anche coloro che per legge non potrebbero: coloro che ancora non hanno compiuto i 15 anni.

Cos’è il binge drinking?

cos’è il binge drinking (http://www.ilgiornale.it)

L’OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), ha posto un limite di età per il consumo di alcool: infatti raccomanda l’astensione almeno fino a 15 anni di età. Ovviamente, però, non sempre il controllo è possibile, soprattutto quando l’alcool circoli già all’interno della casa in cui si vive. Ultimamente, oltretutto, non si beve più solo “per compagnia”, ma si assume alcool con l’intento di ubriacarsi. Questa moda sta sfociando in un disturbo collettivo che colpisce ragazzi e ragazze giovanissimi. Si tratta di una problematica nota come “binge drinking”. Esso è un disturbo della condotta alimentare, come può essere l’istinto irrefrenabile del cibarsi. Il binge drinking consiste nel bere, in modo compulsivo, oltre 6 bicchieri di alcoolici e superalcoolici entro 2 ore e soprattutto a stomaco vuoto.

Chi sono i giovani bevitori?

Fino a qualche anno fa la percentuale maggiore di giovani consumatori di alcool giungeva dai ceti meno abbienti. Oggigiorno, invece questo disturbo si è andato ad estendere colpendo i giovanissimi provenienti da tante diverse situazioni familiari. Inoltre, mentre in passato erano in maggior numero i ragazzi ad abusare di alcool, oggi è aumentato in maniera spropositata anche la percentuale di ragazze che sono dipendenti da alcool. Dati i numeri così preoccupanti si consiglia ai genitori di parlare ai loro figli, spiegando la gravità dell’assunzione incontrollata di alcool. Spiegare, con tranquillità le conseguenze che l’assunzione di questa sostanza comporta sul funzionamento dei loro organi.

Gli effetti dell’alcool sul corpo di un adolescente

effetti dell’alcool sugli adolescenti (http://www.noisiamofuturo.it)

L’abuso di sostanze alcooliche crea seri danni all’organismo umano. Pur rientrando nel gruppo di nutrienti atti alla fornitura di energie, l’abuso di etanolo induce alla dipendenza. Questa sostanza infatti, può creare una situazione di malnutrizione, poiché va ad interferire con la biodisponibilità di altri elementi nutritivi importanti. L’etanolo, normalmente, viene assorbito nel tratto gastroenterico, per essere, poi, metabolizzato nel fegato come acetaldeide (sostanza tossica per il nostro corpo). L’uso eccessivo di alcool, quindi, crea effetti estremamente dannosi su organi e tessuti del corpo umano, partendo proprio dalla disfunzione che crea al fegato. In più va ad intaccare il sistema cardiovascolare: difatti un’assunzione esagerata di alcool può causare ipertensione arteriosa e cardiomiopatia congestizia.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here