Depressione post partum, cos’è e come riconoscerla?

Due o tre giorni dopo il parto, accanto alla gioia di aver messo al mondo il proprio bambino, potreste improvvisamente avere una gran voglia di piangere e sentirvi depresse. E’ una fase nota come “blues del dopo parto” o “pianto del latte”, perché di solito coincide con la montata lattea. Queste situazioni colpiscono sette neo-mamme su dieci e sono causate dalle variazioni ormonali in atto nel vostro organismo e dovrebbero scomparire nell’arco di qualche giorno. In caso contrario, è consigliabile consultare il medico. E’ possibile che soffriate di depressione post partum che, se non curata può persistere per molti mesi.

Sintomi della depressione post partum

La depressione post partum è uno stato depressivo della neo-mamma che in genere si manifesta nelle prime quattro settimane dopo il parto e che può compromettere la salute della donna e del neonato. I sintomi sono:

  • Sentirsi infelici o orribili,
  • Irritabili,
  • Sfinite,
  • Agitate,
  • Avere sensi di colpa o di inadeguatezza nel ruolo di madre,
  • Crisi di pianto,
  • Disturbi del sonno,
  • Si può anche perdere interesse per il cibo, oppure mangiare troppo e poi sentirsi in colpa,

La depressione post partum è una delle patologie più diffuse dopo il parto ed è probabilmente legata alle enormi variazioni ormonali verificatesi al momento del parto. Tuttavia, non è chiaro perché colpisca gravemente alcune donne e non altre.

depressione post partum
Depressione post partum: cos’è e cosa fare? (pixabay.com)

Depressione post partum, cosa fare?

Se pensate di soffrire di depressione post partum, non vergognatevene e non ignoratela. Avete bisogno di aiuto e prima lo cercherete, prima comincerete a sentirvi meglio ed in grado di affrontare la vita. La depressione post partum è una condizione comune. Molte donne ne sono colpite e deve essere curata tempestivamente, non ignorata nella speranza che passi da sola.

Tra i principali consigli da tenere in considerazione, vi è prima di tutto una corretta alimentazione, come suggeriscono anche i ginecologi e nutrizionisti. Dopo la nascita del bambino è importante garantire all’organismo il giusto apporto di proteine (presenti nella carne, nei latticini e nei legumi), di ferro (presente nelle carni rosse, nelle noci, prugne secche, albicocche), di vitamina B9 (il cosiddetto “acido folico” contenuto nei vegetali a foglia verde, nei cereali, nei legumi, nelle arance, nei limoni, nel kiwi e nel fegato). Di vitamina B12 (che si trova nel pesce, nei crostacei e nel fegato), e di zinco (minerale dic ui sono ricchi la carne, le noci, i funghi, il tuorlo d’uovo ed il cacao). Evitare un consumo eccessivo di tè e caffè.

La cura della depressione post partum di solito si basa su un trattamento farmacologico e sulla psicoterapia, soprattutto se la donna manifesta sintomi seri che possono sfiorare anche pensieri suicidi o il rifiuto nei confronti del bambino. Ma esistono una serie di consigli utili che aiutano a ridurre questo stato di malessere psicofisico, senza ricorrere ai farmaci. Ad esempio è consigliabile:

  • Passeggiare ogni giorno all’aperto,
  • Passare del tempo con amici e parenti,
  • Sentirsi libere di chiedere aiuto,
  • Fare un po’ di attività fisica,
  • Dedicare del tempo alla cura di se stesse,
  • Trovare del tempo per leggere un libro o ascoltare musica.

Si tratta di attività che aiutano ad aumentare il livello di endorfine, ovvero gli ormoni del piacere, che contribuiscono a migliorare il proprio stato d’animo.


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here