Divertiamoci con l’empatia: basterebbe un’ora al giorno a scuola per rendere il mondo migliore!

Ormai da qualche tempo, soprattutto tra i social gira questa notizia che riguarda l’impegno preso dalle scuole danesi, nel proporre, almeno per un’ora a settimana, una “lezione di empatia”. Ma perché è così importante?

L’empatia appresa da bambini dona adulti felici!

empatia
Empatia, unione, rispetto (foto by pixabay)

L’empatia è la capacità di “mettersi nei panni dell’altro”. Grazie ad essa la persona può arrivare a comprendere lo stato d’animo di chi ha difronte. Che sia gioia o dolore, è fondamentale comprendere l’altro, anche senza bisogno di parlare. Questa capacità aiuta soprattutto nei rapporti quotidiani. Infatti, ogni volta che dobbiamo interfacciarci con altre persone, siano essi colleghi di lavoro, partner, amici, famigliari, ecc… sarebbe opportuno ricorrere a tale abilità. L’empatia è, dunque, un supporto cruciale per le relazioni tra le persone.

L’empatia e la scuola

La notizia, che negli ultimi tempi ha incuriosito molte persone, riguarda l’inserimento dell’ora di empatia all’interno del programma scolastico. La “Klassens tid” è un’ora di comunione in classe, prevista una volta alla settimana, durante la quale i più piccoli, sperimentano questa “disciplina” ancora ampiamente ignota nelle nostre strutture scolastiche. Nelle scuole danesi, questa parte del programma è entrata ufficialmente nel curriculum nazionale nell’anno 1990. Ma per la Danimarca, questa pratica non è del tutto una novità, poiché, è già dal lontano 1870 che la si pratica.

Nelle scuole danesi, quindi, viene appresa l’empatia attraverso momenti di comunione molto banali, ma assai fondamentali. può essere organizzata un’attività di cucina, ad esempio, nella quale i bambini preparano e poi mangiano assieme un dolce. In questi momenti di comunione i piccoli imparano ad ascoltare e comunicare, trattando i propri problemi con l’altro facendoli propri e rielaborandoli. In questo modo, il bambino che espone il proprio problema viene messo in condizione di affrontare tale ostacolo, che magari da solo non sarebbe stato in grado di superare. Intanto, gli altri possono comprendere come attivarsi per divenire supporti positivi.

Benefici della lezione di empatia

Ovviamente per divenire un’ora all’interno del programma scolastico, la lezione di empatia offre alla persona molti benefici. Questo momento di comunione, potrebbe rivelarsi particolarmente efficace nella lotta contro il bullismo. Ascoltare l’altro e porsi nei suoi panni per trovare una soluzione al problema, permetterebbe a tanti di comprendere le difficoltà altrui. Comprendere questo concetto potrebbe aiutare molti di quei bambini che con il loro fare prepotente, da bullo, solitamente nascondono un animo debole e sofferente!


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here