Pannolino addio: mutandine di apprendimento si o no?

Quando si ha un figlio piccolo arriva prima o dopo il momento fatidico dello “spannolinamento”. Questo è per mamma e papà forse una delle fasi più difficili e stressanti. Per agevolare, quindi, questo passaggio, sono stati inventati tante escamotage. Tra queste soluzioni ci sono le mutandine di apprendimento. Quanto è giusto utilizzarle?

“Spannolinamento”: il momento è catartico!

mutandine da allenamento
Spannolinamento che fatica!
(http://www.mammapretaporter.it)

L’ora di togliere il pannolino, prima o dopo, arriva per tutti i bambini. Molte sono le teorie che riguardano questa delicata fase caratterizzata dal controllo fisico degli sfinteri. Un momento della crescita del bambino assai particolare e delicato. Togliere il pannolino, però, non è solo un passaggio nella vita del bambino, ma anche in quella dei genitori. Mamma e papà sono costretti a: corse disperate verso il vasino, pulire quando non si arriva in tempo al bagno, montagne di cambi quando il bisognino resta nei pantaloni!

Per agevolare tale fase stressante per il bambino, ed esasperante per il genitore, la ricerca ha portato sul mercato tantissimi accessori più o meno costruttivi. Prima il vasino, perchè per un bambino di 2/3 anni arrivare autonomamente alla tazza a volte non è semplice e soprattutto scomodo. Poi il riduttore per un approccio più diretto col sanitario di riferimento. Da qualche anno sono usciti i pannolini a mutandina, da un po’, inoltre, si stanno diffondendo le mutandine di apprendimento. Di cosa si tratta?

Cosa sono le mutandine di apprendimento

Le mutandine di apprendimento sono delle mutandine a tutti gli effetti. Si tratta sicuramente di una soluzione più ecologica dei pannolini a mutandine e soprattutto più economica. Queste mutandine, sono un supporto per lo spannolinamento, in quanto imbottite, lavabili e contenitive. Dunque, con questo accessorio si evitano incidenti spiacevoli, poiché queste mutande arginano le perdite. Inoltre, a differenza dei pannolini a mutandine, lasciano sulla pelle la sensazione di umido in modo da far sì che il bambino si renda conto della situazione e  del disagio. Ma quanto sono funzionali sotto l’aspetto pedagogico dello sviluppo del bambino?

Pannolino addio: mutandine di apprendimento si o no?

Mutandine di apprendimento
Mutandine di apprendimento: si o no? (https://www.gadoola.com)

La fase di passaggio dal pannolino al controllo completo degli sfinteri è uno dei momenti più significativi per lo sviluppo psicologico e cognitivo del bambino. Il gesto del cambio del pannolino è per il bambino un modo attraverso il quale instaurare il contatto diretto con la mamma o con il proprio punto di riferimento. Dal momento in cui il pannolino viene tolto questo rito non avviene più apportando un cambiamento radicale nella relazione. Molti bambini tendono a prolungare questo momento, rifiutando di fare i propri bisogni nel vasetto o nella tazza. In questo caso utilizzare escamotage come le mutandine di allenamento non sempre è una soluzione ottimale. Il bambino, quando si fa la pipì sotto, deve essere cosciente di cosa sta accadendo. Sentendo solo un senso di umido, un po’ come accadeva prima con il pannolino, il bambino non è spinto ad accettare la soluzione più consona (farla nella tazza), ma tende ad accettare quello stato. Inoltre, così facendo continua a controllare la relazione con la propria mamma o punto di riferimento, che è costretta a controllare e continuare ad effettuare il rito del cambio.

Molti pedagogisti e psicologi, riguardo tale argomento, consigliano di seguire, anche se più faticoso, il vecchio metodo. Il bambino rendendosi conto di aver bagnato i propri abiti ed il pavimento, comprende di aver commesso qualcosa di sbagliato. Il “senso di colpa” e un po’ di vergogna, lo spingerà ad utilizzare la soluzione più consona: il vasino o la tazza!

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.