Il gioco del travestimento è per ogni bambino un’attività divertente e magica. Ma perché i più piccoli si divertono a travestirsi? E come mai è così importante per il loro sviluppo?

Il gioco del travestimento

travestimento
Creare un angolo in cui il bambino abbia la possibilità di sperimentare, aiuta la formazione della sua identità (https://bionidofamiglia.com)

Quanti di noi adulti da bambini si sono travestiti con gli abiti di mamma o papà immaginando di essere qualcun altro? Ecco questo è ciò che pedagogicamente viene inteso come gioco del travestimento.  Si tratta, dunque, di un’attività che prevede del materiale semplice ma colorato come: vecchi abiti, stoffe, accessori vari, realizzati anche in precedenza con il riciclo.

All’interno di un percorso di sviluppo del bambino, questa attività è fondamentale. La sua importanza è data dal fatto che la ricerca e l’ideazione di ogni travestimento, va a stimolare la fantasia, l’immaginazione e la motricità del bambino. Attività, quindi, che soprattutto nella fascia di età tra 12 mesi ed i 3 anni, è assai importante.

Come si struttura il gioco del travestimento?

Il gioco del travestimento è una delle attività di base all’interno delle strutture per l’infanzia, nella maggior parte dei casi prevista dal progetto educativo. All’interno di queste strutture, infatti viene realizzato un angolo adibito al travestimento, in cui il bambino può trovare moltissimo materiale a sua disposizione. Infatti, di solito in questo angolo vi sono ceste e contenitori in cui organizzare abiti, cappelli, sciarpe grembiuli e chi più ne ha più ne metta!

In questo angolo, il bambino può giocare a fare finta di essere qualcun altro, mascherandosi e travestendosi da un personaggio di fantasia o ispirato a una persona reale. Questo “passatempo educativo”, è importante per aiutare il bambino a rafforzare la propria immaginazione, ma anche la propria identità. Infatti, attraverso il travestimento, il bambino sperimenta i gesti quotidiani del suo mondo e di quello degli adulti, testando i vari ruoli ed identità.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here