Un genitore sa bene chi è il proprio figlio, lo sente nell’animo, sin dal primo giorno in cui è venuto al mondo. Ma crescendo le persone cambiano e così anche i figli si allontanano. Quanto conosci tuo figlio? L’importanza del dialogo in famiglia

L’importanza del dialogo

Come affrontare le crisi ed il conflitto con i figli adolescenti
Il confronto tra genitori e figli impone ai primi un contatto con se stessi, con la propria interiorità, spesso sconosciuta. È necessario che i figli, oltre a percepire i genitori come tali, siano in grado di riconoscere in essi delle persone. (http://www.edizionilameridiana.it)

Dialogare è l’azione alla base della conoscenza dell’altro. Lo scambio reciproco di informazioni fa recepire ed approfondire i dati riguardanti colui che ci si pone davanti. Parlare ed ascoltare, soprattutto quando si tratta di informazioni personali, fa crescere se stessi e l’altro. Il dialogo serve soprattutto per instaurare una relazione, qualunque essa sia. Il legame familiare, non esonera dal dove creare un legame con l’altro. Essere sangue del proprio sangue non vuol dire appartenere completamente.

Il dialogo, quindi, deve essere coltivato e proposto nelle famiglie, sia tra la coppia che con i figli. I figli crescendo, e vivendo le proprie esperienze diventano persone ben lontane dal neonato che si allattava. Inoltre, per potere trasmettere ai propri figli dei valori, dei consigli e un’educazione costruttiva e propositivo bisogna parlare con loro. Parlare con un figlio, vuol dire anche imparare a conoscerlo aldilà del legame sanguigno ed affettivo. Sapere cosa pensa su un qualsiasi argomento lo rende parte della famiglia. Coinvolgere i propri figli in un discorso, un dibattito, in uno scambio di opinioni, difatti, li fa sentire parte di qualcosa. Per un bambino, ma soprattutto per un adolescente, sentirsi apprezzati ed importanti all’interno della famiglia è uno degli aspetti più importanti atti a permettere loro di superare queste fasi critiche con successo. Molto più di quanto possa accadere elogiandoli continuamente o difendendoli. Ma per far si che i nostri figli crescano con la capacità e la consapevolezza di avere delle opinioni occorre fare da esempio.

Parlare della propria giornata

Quanto conosci tuo figlio? L'importanza del dialogo in famiglia
Raccontare la propria giornata ai figli (https://www.balarm.it)

Gli argomenti di cui si parla solitamente all’interno delle mura parentali, sono sicuramente riferiti alla propria quotidianità. Parlare della propria giornata è importante per chiunque. Quante volte avete sentito il bisogno di sfogarvi per un evento, bello o brutto che fosse, con qualcuno vicino a voi? Ebbene, anche i vostri figli devono avere questa possibilità, e non solo. Parlando e raccontando la loro giornata, vi stanno confessando i loro sentimenti, le loro esperienze, i loro problemi. Questa pratica, che solitamente si dà per scontato, invece, può tornare utile per conoscere in profondo i vostri figli e tutto quello che li riguarda. Molto spesso un genitore, sbagliando, crede di conoscere fino infondo l’intero mondo che circonda il figlio. Ma, in modo particolare negli anni dell’adolescenza, mamma e papà sono coloro che non conoscono assolutamente nulla di ciò che sta vivendo il figlio. Questo perché il figlio in questa fase, soprattutto se non abituato al dialogo, taglia fuori i propri genitori volendosi sentire grande e quindi indipendente.

Come introdurre i figli al dialogo?

Quanto conosci tuo figlio? L'importanza del dialogo in famiglia
Trasmettere ai figli l’importanza del dialogo li aiuterà ad affrontare meglio il mondo esterno (http://gioit.h-cdn.co)

Oltre alle buone maniere, un genitore deve essere in grado di insegnare al proprio figlio l’importanza della comunicazione, del dialogo e dell’ascolto. Come per ogni altro insegnamento, l’arma più efficiente è l’esempio! “Sai oggi per me è stata una lunga giornata, ma ora sono felice di poterne parlare con te, io ho avuto una riunione noiosa con i responsabili…. E invece la tua giornata com’è andata?”. Mostrare ai piccoli come ci si racconta è importantissimo. Basta soltanto a fine giornata raccontarci al resto della famiglia e ascoltare cosa ha fatto l’altro. Questo scambio di informazioni aiuterà sostanzialmente i ragazzi a risolvere i loro problemi, non soltanto in casa, ma anche fuori. Saper dialogare in famiglia aiuterà anche a saper approcciare all’altro fuori dal nucleo familiare.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!