Scopri come curare o prevenire la diastasi addominale

Prevenire la diastasi addominale è possibile. Segui queste regole fondamentali per evitare questo disturbo molto diffuso tra le donne che partoriscono.

Scopri come curare o prevenire la diastasi addominale

Nel precedente articolo abbiamo scoperto che la diastasi addominale è un disturbo molto diffuso ma poco conosciuto, che riguarda maggiormente le donne che hanno appena partorito. Ricordiamo di cosa si tratta: la diastasi addominale è la separazione dei due retti addominali, ovvero i due muscoli principali della parete addominale interiore. Se questo accade in gravidanza, la diastasi è fisiologica.

Vediamo oggi in che modo è possibile curare questo disturbo che, seppur non comporta dolore, risulta altamente invalidante dal punto di vista psicologico e fisico. Ma soprattutto segui questi importanti consigli di prevenzione.

Come curare o prevenire la diastasi addominale
Scopri come curare o prevenire la diastasi addominale (http://www.passionemamma.it)

Scopri come curare la diastasi addominale?

In caso di diastasi addominale, è possibile ottenere buoni risultati eseguendo una ginnastica specifica, mirata a tonificare il muscolo trasverso dell’addome. E’ quello situato più in profondità e svolge un’azione essenziale per il contenimento dei visceri. Occorre però fare attenzione: i classici esercizi addominali e qualsiasi esercizio che mette in tensione il muscolo addominale possono peggiorare la situazione perché tendono a “fissare” i retti nella posizione errata. Per questo, è necessario rivolgersi ad un esperto, in grado di consigliare esercizi ad hoc. Assolutamente sconsigliato il fai da te.

E’ bene evitare di:

  • trasportare pesi,
  • eseguire rotazioni del busto,
  • tenere per troppo tempo in braccio i bambini, specialmente se nel farlo si spinge in avanti la pancia.

Inoltre, quando si tossisce o starnutisce, bisogna cercare di porre le mani sull’addome comprimendo verso il centro, in modo tale da “mantenere unite” le due fasce del muscolo retto. In molti casi, non si può prescindere dall’intervento chirurgico di addominoplastica (tradizionale o laparoscopico) che consente di avvicinare i retti, chiudere la diastasi e ricostruire la parete addominale.

In attesa di una risoluzione spontanea, per migliorare alcuni sintomi della diastasi può essere utile l’uso del taping, ossia delle bande elastiche da applicare sull’addome. Infatti, esse esercitano una serie di effetti benefici:

  • Drenano, stimolano e massaggiano la muscolatura superficiale, attenuando il gonfiore,
  • Contengono eventuali ernie,
  • Riescono a mantenere la pelle più tonica e sgonfia,
  • Migliorano la stabilità e sostengono i muscoli. Per questo sono indicate anche durante l’attività fisica.

 Come prevenire la diastasi addominale?

Durante la gravidanza è bene seguire alcune regole suggerite dagli esperti, utili a prevenire la diastasi addominale:

  • Svolgere un’attività fisica costante, ma non troppo intensa. Meglio però evitare di eseguire i classici addominale, specialmente nell’ultimo trimestre.
  • Sotto la guida di un esperto, si possono eseguire esercizi per attivare e rinforzare la parete addominale, soprattutto il muscolo trasverso.
  • Prestare molta attenzione alle posture assunte nel corso delle normali attività quotidiane e quando si cammina. In generale, cercare di non inarcare troppo la schiena e di tenere, per quanto possibile, la pancia e l’ombelico in dentro, verso la colonna vertebrale.
  • Sedersi con la schiena dritta e i piedi ben appoggiati a terra.
  • Cercare di non aumentare troppo di peso.
Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.