Giunte alla settimana 23 di gravidanza, è il momento di pensare alle cose pratiche, come preparare la cameretta. Ecco alcuni consigli importanti per preparare in modo perfetto e dettagliato la stanza che accoglierà il tuo bambino.

Settimana 23: prepariamo la cameretta!

Avete già superato metà percorso della gravidanza e siete giunti alla settimana 23, il periodo ideale per iniziare ad organizzare la stanza che accoglierà il vostro cucciolo. Sia che abbiate una stanza in più da trasformare in cameretta, sia che intendiate allestire un angolo in camera vostra, dovete iniziare a prepararlo ora che avete l’energia.

Prima di iniziare, dovete prendere in considerazione la disposizione e le misure della zona, per decidere quanti mobili e quanta attrezzatura può ospitare. Controllate inoltre se vi è un numero sufficiente di prese elettriche; che il riscaldamento sia adeguato e che le luci a parete o i lampadari siano dove volete.

Settimana 23: idee e consigli per arredare la cameretta

È meglio procedere ai cambiamenti sostanziali (come modificare l’impianto elettrico o aggiungere un calorifero) prima di iniziare a decorare o a tappezzare la stanza. I bambini amano i brillanti colori primari e disegni grandi e semplici, quindi scegliete tinte e tappezzeria colorate. I materiali lavabili renderanno più facile mantenere le pareti fresche e brillanti.

Trasferelli, bordi, quadretti e oggetti appesi sono molto efficaci per rallegrare uno sfondo in tinta unita, se non volete impegnarvi in uno schema di colore prima di conoscere il sesso del nascituro. I tappeti e i pavimenti lucidati sono belli, ma poco indicati perché comportano il rischio di scivolare con il bambino in braccio.

settimana 23
Settimana 23: idee e consigli per arredare la cameretta (www.unadonna.it)

Tutti i tipi di pavimento devono essere caldi e antiscivolo. Sono ideali le piastrelle di sughero incollate perché sono rapidamente lavabili. La moquette è una valida alternativa, ma non acquistate moquette molto costosa perché probabilmente sarà necessario sostituirla presto.

Una piantana con luce regolabile o una lampada progettata appositamente per la cameretta saranno molto utili per i pasti notturni perché diffondono una luce tenue che non darà fastidio nel cuore della notte. Una luce notturna creerà l’illuminazione sufficiente per vegliare il bambino che dorme, ma avrete bisogno di una luce più decisa per il cambio del pannolino e l’igiene del neonato. Evitate le lampade con cavi in cui potresti inciampare e coprire tutte le prese inutilizzate con le apposite protezioni.

Le finiture

La stanza dove dorme il bambino deve essere priva di spifferi, quindi coprite le finestre con tende pesanti. Non solo ripareranno dagli spifferi, ma impediranno anche che la luce del sole svegli presto il bambino durante i mesi estivi. Le finestre devono essere dotate di apposite chiusure a prova di bambino e le tende lontane dalla culla. Non mettete mai la culla o il lettino sotto la finestra o vicino al calorifero.

I neonati non sono in grado di regolare la propria temperatura corporea, quindi vanno tenuti in un ambiente moderatamente caldo intorno, a 18 gradi. Uno speciale termometro da cameretta o un termostato collegato al calorifero aiuteranno a mantenere costante la temperatura nella stanza.

Di fatto un neonato necessita di pochissimi mobili. Un luogo in cui dormire, un piccolo armadio o una cassettiera in cui riporre i vestitini e un fasciatoio per tenere i pannolini e quanto serve al cambio. Nonché una sedia per voi quando allattate o cullate il bambino nei primissimi mesi. L’arredamento della cameretta deve essere robusto in modo che il bambino non riesca a rovesciarlo quando cresce e serva da supporto quando comincia a tirarsi su per camminare.

Se acquistate mobili di seconda mano, assicuratevi che la vernice sia atossica e priva di piombo. Nel dubbio, scrostate il mobile e riverniciatelo con materiali sicuri. Controllate inoltre che siano integri affinché non feriscano il bambino.

Settimana 23: voi è il vostro corpo

Potete sentire il bambino attraverso la parete addominale. Con la palpazione l’ostetrica o il ginecologo ne individueranno la posizione. Occasionalmente, percepirete un dolore simile a una fitta sul lato dello stomaco: è il minuscolo uterino che si allunga, passerà con il riposo.

Settimana 23: il bambino cresce

Il feto inizia ad assumere l’aspetto di quando nascerà, con la testa più proporzionata rispetto al corpo. Nel maschio lo scroto è ora ben sviluppato e nella femmina alle ovaie contengono già molti milioni di ovuli che si ridurranno a circa 2 milioni alla nascita e continueranno a diminuire fino alla pubertà. Il feto è lungo 31 cm circa e pesa 440 grammi.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.