Un bambino violento lo diviene in un determinato contesto, se detto comportamento non viene contrastato nel modo corretto potrebbe progredire ed aggravarsi in età adulta. Ma perché il bambino diventa violento soprattutto con i genitori?

L’origine del comportamento violento

bambino violento
Bambini aggressivi (foto by Usplash)

Le varianti che potrebbero dare origini ad un comportamento violento sono da ricercarsi in contesti familiari tenendo conto degli aspetti psicologici, economici e sociali. Ciò vuol dire che un modello familiare caratterizzato da elementi aggressivi o comportamenti devianti, possono indurre il bambino ad acquisire un sistema reattivo aggressivo.

Queste situazioni possono influire negativamente sulla crescita e sullo sviluppo del bambino. Sono molti gli esperti che hanno analizzato tali situazioni, cercando di dare spiegazioni e soluzioni più consone. Tra questi studiosi troviamo anche Thompson. Egli ipotizza che in questa tipologia di persone il legame primario con la madre, o con colui che diviene figura primaria, sostituendo la madre, è stato interrotto. Oppure in un’ipotesi ancor più drammatica, ha influenzato lo sviluppo di modelli comportamentali antisociali nei bambini.

Elementi che influenzano il comportamento del bambino

Ed ancora, S. Riviere sostiene che esistano due elementi che influenzano maggiormente la determinazione dell’attitudine di questi bambini. Detti elementi sono:

  1. Caratteristiche del bambino: capacità di concentrazione, livello di attività, emotività, socievolezza, controllo degli impulsi, abilità di sviluppo capacità di concentrazione;
  2. Storia di apprendimento del bambino: con il termine “apprendimento del bambino” si intende tutto ciò che egli è in grado di acquisire ed apprendere dentro e fuori casa; si tratta quindi dell’insieme delle nozioni che il bambino riceve da coetanei e gruppi amicali, familiari, televisione, nozioni scolastiche, compresi tutti gli elementi che il genitore definisce negativi.

Bambini aggressivi con i genitori

In alcune occasioni il bambino si rivela particolarmente aggressivo all’interno della famiglia. Ad esempio, un bambino potrebbe compiere gesti violenti ed estremi nei confronti dei genitori. Atteggiamenti che invece non ripropone in situazioni fuori dalla famiglia (a scuola o con gli amici). Questi casi, sovente, suscitano dubbi ed incertezze nei genitori, tanto da rivolgersi agli specialisti. Un elemento fondamentale da ricordare è che il bambino ha bisogno di basi forti e sicure, e punti di riferimento ugualmente ferme. Il fattore che solitamente scaturisce una reazione violenta nei confronti del genitore nasce dal bisogno di “NO”.

Un bambino cerca il confronto e la sfida con il genitore, sperando di ottenere risposte ferme dall’adulto. Ad esempio: un bambino che inizia a lanciare oggetti sta cercando l’attenzione dell’adulto, se in questo caso l’adulto rivolge l’attenzione richiesta, il bambino replicherà tale comportamento ogni volta lo desidererà. In questi casi il bambino va ripreso, correggendo il comportamento, ma evitando assolutamente di dare le attenzioni richieste. Azione che, invece, dovrebbe essere messa in pratica al momento in cui il bambino richiede le attenzioni nel modo più corretto.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.