Scopri gli alimenti da evitare per le coliche del neonato

Il pianto da coliche è straziante per ogni genitore che, guardando il suo neonato in lacrime, nella maggior parte dei casi è assalito da una sensazione d'impotenza.

Scopri gli alimenti da evitare per le coliche del neonato

Esistono degli alimenti che favoriscono la formazione di gas nel pancino del proprio bambino. Vediamo quindi quali sono i cibi da evitare per le coliche dei neonati ed alcuni rimedi per calmare gli spasmi.

Le coliche del neonato

E’ molto comune associare il termine “colica” al pianto intenso e frequente del proprio bambino che risulta difficile, se non impossibile da placare. Il pianto sconsolato inizia solitamente nella seconda settimana di vita e prosegue fino alla fine del secondo mese per concludersi dopo i tre mesi. Per alcuni bambini è l’aria che fa male: tendono ad allungare le braccia e a irrigidire le gambe, poi piegano le braccia e le gambe sul corpo, sull’addome, lo stomaco è gonfio, teso, duro alla palpazione.

Scopri gli alimenti da evitare per le coliche del neonato
Il massaggio è importantissimo nei primi mesi di vita del bebè perché ha un effetto calmante sul piccolo e concilia il relax e il sonno. (http://magazinedelledonne.it)

Le cause della colica

Tra le possibili cause, ne possiamo menzionare due di rilevata importanza:

  • Nel caso in cui il neonato è allattato al seno, la comparsa di coliche è dovuta principalmente dall’alimentazione della mamma. In questo caso, quindi, il bambino potrebbe avere una reazione al latte della mamma in quanto intollerante alle proteine del latte vaccino assunto dalla madre che si trovano nel latte materno. Ma oltre al latte ci sono altri alimenti consumati dalla madre che allatta che possono provocare il gas nel pancino.
  • Nel caso in cui, invece, il bambino è svezzato, potrebbe manifestare delle intolleranze verso alcuni alimenti consumati.

Scopri gli alimenti da evitare per le coliche del neonato

Gli alimenti che potrebbero causare problemi digestivi nei neonati sono: caffeina, broccoli, cavolfiori, verza, patate, agrumi, cioccolato. Nel primo anno di vita, nella maggior parte dei casi, il cibo che solitamente dà problemi, ma solo per il 5%, è il latte di mucca, uova, arachidi, noci, grano, soia e pesce. Se il bambino sembra reagire con una colica o con malessere a un cibo che la mamma mangia, si consiglia di rinunciare a questo cibo per un periodo e valutare l’eventuale reazione manifesta del bambino.

Sono, inoltre, da evitare:

  • Caffeina: passa rapidamente nel latte materno, pertanto non van bevute più di due tazze al giorno di tè, caffè, cioccolata calda o bibite come coca cola.
  • Bevande energetiche: vanno evitate perché contengono sostanze che possono rivelarsi non idonee per il bebè, come anche il consumo di tonno in scatola (gr. 300 a settimana, perché può contenere più mercurio del tonno fresco, per il quale non c’è limitazione di assunzione.
  • Alcol: passa attraverso il latte ed ogni bicchiere di alcol richiede due o tre ore per essere rimosso dal latte materno. Il tempo di rimozione varia a seconda del peso.
  • Evitare d fumare sigarette: la nicotina passa nel latte materno e ne altera la produzione. Il bambino può diventare irritabile, piangere e manifestare insonnia a causa della nicotina.

Come ridurre le coliche?

In caso di colica, possiamo aiutare il nostro bambino posizionandolo in modo da premere sul suo stomaco, comprimendo così il dolore. La posizione particolarmente efficace per alleviare le coliche è: posizionare il bambino a faccia in giù sul nostro avambraccio, tenendo la testa del bebè nella nostra mano, gambe e braccia penzoloni e camminare con calma oscillando delicatamente il fagottino. È utile mantenere la pancia del bambino calda (con un asciugamano o la borsa dell’acqua calda), quando allattato al seno o artificialmente.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.