Dolce attesa: sai cosa mangiare? Ecco come assumere le corrette vitamine per una sana gravidanza!

La gravidanza prevede delle “linee guida” atte a garantire la salute del nascituro. Queste piccole regole riguardano soprattutto lo stile di vita della futura mamma. Dolce attesa: sai cosa mangiare? Ecco gli alimenti consigliati per una sana gravidanza!

Alimentazione e gravidanza

gravidanza
Vitamine e gravidanza (foto by Unsplash)

Tra i consigli che i medici dispensano alle future mamme durante i mesi di gravidanza vi è anche un’alimentazione sana e corretta. Le donne in dolce attesa devono sempre ricordare che si sta mangiando per due, ma senza esagerare. Un sano stile di vita aiuta a prevenire moltissime problematiche per mamma e bimbo, prima e dopo la nascita. Una donna che porta in grembo il proprio bambino deve assicurarsi di assumere gli alimenti giusti per assimilare le vitamine e le sostanze di cui entrambi hanno bisogno.

Mentre alcuni alimenti sono altamente sconsigliati per evitare malattie o intossicazioni, altri sono altamente consigliati. Questi alimenti alleati sia della gestante quanto del nascituro, sono il pesce (solo alcune tipologie), gli agrumi, i cereali e i latticini.

La Vitamina C in gravidanza gravidanza

Durante il periodo di gestazione è fondamentale assumere abbastanza vitamina C. L’agrume più consigliato a tale scopo è sicuramente l’arancia. Le arance, infatti, offrono un valido apporto di Vitamina C, ma fanno bene anche per altri moti a mamma e nascituro. Difatti questo agrume permette di assimilare una sostanziosa quantità di Folato.

Quando una donna è in dolce attesa, infatti, dovrebbe assumere un bicchiere di succo d’arancia (meglio se rossa) al giorno. Un’abitudine assai positiva, difatti, sarebbe assumerne uno ogni mattina, e non solo per chi sta vivendo la gravidanza. Assumere vitamina C farebbe bene a tutta la famiglia.

Perché assumere Omega-3 DHA e EPA in gravidanza?

Durante la gravidanza, si raccomanda alla futura mamma di assumere giornalmente: 250 mg/die di EPA, 450 mg/die di DHA. Spesso si consiglia di assumere queste sostanze anche attraverso degli integratori di Omega-3. Questo perché Omega-3 DHA e EPA sono elementi importanti per il corretto sviluppo del sistema nervoso del bambino.

In natura vi sono delle tipologie di pesci che contengono tantissimo Omega-3 DHA e EPA. In più, sono anche ottime fonti di ferro e proteine (nutrienti essenziali per lo sviluppo e la crescita del nascituro).

Difatti, i grassi di origine ittica sono le uniche fonti di acidi grassi essenziali della serie Omega-3 DHA e EPA. I pesci grassi più noti appartenenti a questa categoria sono: salmone, sardine e merluzzo. Anche pesce spada e squalo appartengono a questo gruppo ittico, ma in gravidanza è meglio evitarli poiché più esposti al contagio da mercurio.

Cos’è il Folato e come assumerlo?

Un altro elemento che consente un ottimale sviluppo del sistema nervoso del nascituro è il Folato, esso è talmente tanto importante che la sua mancanza in gravidanza potrebbe incidere sulla formazione della spina bifida.

Per questo motivo, ad una donna che sta affrontando la gravidanza, si consiglia di assumere da 400 a 800 µg/die di Folato, ricorrendo anche ad integratori a base di questa vitamina. Il Folato, però, lo possiamo trovare anche e soprattutto in alcuni alimenti: i cereali fortificati con Folato. Ciò significa che in gravidanza sarebbe opportuno assumere quasi giornalmente pane e pasta (evitando comunque di assumerli nello stesso momento!).

Inoltre, il Folato lo si può trovare nelle verdure a foglia verde come ad esempio gli spinaci, in questo caso, però, fatevi consigliare dal vostro medico poiché le verdure, specie quelle verdi sono alimenti un po’ più delicati.

Il calcio e le ossa di mamma e nascituro

Un altro elemento di estrema importanza per la formazione e la crescita del nascituro, e in questo caso anche per la salute della mamma, è il Calcio (Ca2+). Questa vitamina può essere assunta tramite il latte ed i suoi derivati. Il calcio, infatti, è una fonte inestimabile per la formazione e la crescita di denti ed ossa del bambino ed anche per mantenere salde e forti quelle della mamma.

La mancata assunzione di Calcio comporta una mobilitazione di Ca2+ dalle ossa della mamma verso le ossa del feto. Ciò, comunque, comporterà un conseguente sviluppo della fragilità ossea del bambino ed anche della mamma.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.