Bambini deboli, inappetenti e che presentano vomito. Sintomi che possono facilmente essere confusi con il virus intestinale, ma, che potrebbero essere i segni di qualcos’altro. Quanto ne sai di acetone nelle urine dei bambini? Ecco perché succede e come intervenire.

Cos’è l’acetone?

acetone nelle urine dei bambini
Acetone nelle urine: cos’è? (http://17026-presscdn-0-98.pagely.netdna-cdn.com)

L’acetone è un disturbo che colpisce in particolare i bambini perché i loro organi in cui vengono immagazzinatati gli zuccheri hanno una capacità limitata rispetto a quelli degli adulti. Quindi a loro basta un breve digiuno per far esaurire le scorte. I sintomi più diffusi sono: mal di testa, spossatezza, vomito e dolori addominali. L’acetone, conosciuto anche come Chetosi, è un disturbo metabolico causato da una mancanza di zuccheri. In questo caso, l’organismo, per produrre energia, brucia i grassi. Questo processo provoca una presenza di corpi chetonici nel sangue e nelle urine.

Come si fa a riconoscere se il bambino ha l’acetone?

acetone nelle urine dei bambini
Test delle urine per accertarsi se il disturbo del bambino è da riferirsi all’acetone (http://ste.india.com)

Per capire se il proprio bambino soffre di acetone, la scelta più corretta e sicura è quella di sottoporre il bambino ad un test a strisce. Tale test si può acquistare tranquillamente in farmacia. Fare il test è molto semplice: si tratta di una strisciolina da immergere in un contenitore sterile riempito con l’urina del bambino. La striscia cambierà colore a seconda del risultato.

Come intervenire?

acetone nelle urine dei bambini
Cosa si deve fare in caso di presenza di acetone nelle urine dei bambini (http://it.detadoctor.com)

Se la situazione, dopo due giorni, continua ad essere critica, bisogna rivolgersi ad un pediatra e far visitare il bambino. Dal momento in cui si accerta la presenza di acetone nelle urine, può aiutare sottoporre il bambino ad una dieta ben bilanciata atta ad incrementare gli zuccheri. In questi casi, solitamente, vengono somministrate piccole quantità di zucchero, oppure può essere d’aiuto far bere al bambino del succo di frutta.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here