Il clampaggio, ovvero la modalità di legatura e taglio del cordone ombelicale, nel corso degli anni e con le nuove scoperte medico scientifico è mutato. Ecco come e perché il clampaggio del cordone ombelicale si è evoluto negli ultimi decenni.

Cos’è il clampaggio del cordone ombelicale?

clampaggio del cordone ombelicale
Cos’è il clampaggio del cordone ombelicale (foto by Pixabay)

Innanzitutto, occorre definire tale pratica, di cosa si tratta e le tempistiche in cui essa deve essere svolta. Il clampaggio, dunque, è la modalità con cui il cordone ombelicale viene legato e tagliato al momento della nascita del bambino. Fino a qualche decennio fa, questa prassi veniva effettuata immediatamente dopo il parto (clampaggio immediato). Il clampaggio immediato, difatti, veniva praticato quando il neonato aveva appena terminato l’espulsione dal canale del parto. Oggi invece, si procede alla legatura ed al taglio del cordone ombelicale in modo “tardivo”, cioè dopo diversi minuti dall’espulsione. Questo cambiamento è stato una conseguenza delle scoperte medico scientifiche degli ultimi decenni.

Perché si è passati al clampaggio tardivo?

Per clampaggio tardivo, dunque, si intende che il taglio e la legatura del cordone ombelicale avvengono solo quando il cordone abbia cessato di pulsare. Questo radicale cambiamento di procedere alla legatura e taglio del cordone ombelicale è dato soprattutto da alcuni motivi legati allo stato di salute del neonato. Infatti, tardare questo processo significa aumentare il livello di benessere del bambino sia nell’immediato post parto, sia negli anni successivi.

Difatti, a questa modalità sono attribuiti due fondamentali vantaggi. Prima di tutto tardando il taglio del cordone ombelicale si permette al corpo del neonato di procedere ad un adattamento fisiologico naturale. Questo perché il piccolo nascituro continuerebbe, per qualche istante, a ricevere sangue placentare ricco di ossigeno, agevolando l’approccio alla respirazione polmonare.

Inoltre, ritardando il clampaggio si evita il rischio di sviluppare anemia. Per questo motivo è una pratica particolarmente utilizzata nei casi in cui il neonato è figlio di una mamma anemica, o comunque si può presupporre un alto rischio di anemia.

Clampaggio tardivo e nascite pretermine

Clampaggio del cordone ombelicale
Clampaggio tardivo del cordone ombelicale (foto by Pixabay)

Il clampaggio tardivo è una modalità di legatura e taglio del cordone ombelicale assai utilizzata soprattutto nei casi di nascite prima del termine. Quando un bambino nasce prematuro, al momento del parto potrebbero riscontrarsi delle problematicità. Spesso vi è la necessità immediata di ricorrere alle trasfusioni ematiche. Attuando, invece un clampaggio tardivo, fino a 120 secondi successivi alla nascita, viene notevolmente ridotto il rischio di emorragia periventricolare. Allo stesso modo, si salvaguarda il neonato pretermine dal rischio di morbosità.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.